Il giornalismo ai tempi della disintermediazione

Il giornalismo ai tempi della disintermediazione

Il 26 giugno, nell’Aula Bovet dell’Istituto superiore di sanità, si terrà il corso “Il giornalismo ai tempi della disintermediazione”, organizzato da FNSI in collaborazione con L’Iss e WHIN -Web Health Information Network.

Il giornalismo ai tempi della disintermediazione. Sempre più spesso sono le stesse Università e gli scienziati a comunicare direttamente con il pubblico, attraverso canali istituzionali, eventi o blog, bypassando giornalisti e media tradizionali. È il fenomeno della disintermediazione, più diffuso in altri Paesi che in Italia, che in larga parte si autoalimenta perché non sono solo le Istituzioni a comunicare direttamente, ma ci sono anche i diversi strumenti della rete (soprattutto i social media) che vengono utilizzati dagli utenti per rilanciare e far circolare le notizie, vere o presunte (senza che, appunto, ci sia il giornalista a mediare il messaggio).

L’obiettivo del corso vuole essere quello di fare chiarezza su questo fenomeno, spiegando in primo luogo di cosa si tratta, offrendo una “fotografia” di quanto accade in Italia e disegnando i possibili scenari futuri. I relatori cercheranno, inoltre, di chiarire i rischi dell’informazione diretta al pubblico in un campo così delicato come quello della salute. Spazio anche alle “case histories” che illustrino casi concreti di comunicazione diretta al pubblico.

Il corso eroga sei crediti per l'aggiornamento professionale previa iscrizione alla piattaforma Sigef.