V CORSO NAZIONALE “GIORNALISTI MEDICO-SCIENTIFICI E ONCOLOGI”

V CORSO NAZIONALE “GIORNALISTI MEDICO-SCIENTIFICI E ONCOLOGI”

Oggi il 32,3% dei cittadini usa internet abitualmente per avere informazioni sulla salute e sulle malattie e i social network stanno diventando fonti sempre più importanti. Le nuove vie della comunicazione in oncologia sono al centro del IV Corso nazionale per giornalisti medico-scientifici e oncologi organizzato dall’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) che si terrà a Milano il 13 e 14 aprile.

Il 13 aprile (ore 11.15 - 19), dopo la lettura magistrale del prof. Pierfranco Conte (direttore Oncologia Medica 2 all’Istituto Oncologico Veneto di Padova) sulle nuove frontiere della lotta al cancro, verranno affrontati vari aspetti che stanno modificando la comunicazione in oncologia a partire dalle diverse modalità con cui la stessa notizia viene affrontata dagli oncologi e dalla stampa: le fake news, il fumo di sigaretta e la riduzione del danno e il ruolo dell’alimentazione. Spazio anche alle sfide immediate della ricerca, come la biopsia liquida, che consentirà di individuare in poche gocce di sangue i primi segni del cancro, e i test genetici, che permettono di identificare, in una famiglia che includa uno o più membri colpiti da tumore, le persone sane con alterazioni genetiche (BRCA) che determinano una predisposizione alle neoplasie del seno e dell’ovaio.

Il 14 aprile (ore 9.30 - 13.15) sono previste due tavole rotonde: la prima sulle necessità della cronaca locale e i report dai grandi congressi con un focus sui social media nella lotta al cancro; la seconda sul rapporto fra società scientifiche, associazioni dei pazienti e giornalisti.